LE PERSONE CHE OSTENTANO IL PROPRIO AMORE SUI SOCIAL SONO LE PIU' INSICURE DEL LORO RAPPORTO

L'avvento dei Social Network ha modificato le modalità in cui si vive il rapporto di coppia approdando al concetto di romanticismo 2.0..
Essi consentono di creare un'immagine virtuale della coppia utilizzata poi come specchio del proprio riconoscimento sociale, per cui la condivisione della propria vita sentimentale e privata viene percepita come essenziale al fine di dar prova dell'esistenza del legame di coppia attraverso il numero di likes e commenti. Ciò non vuol dire che pubblicare foto della propria coppia sia da patologizzare, piuttosto, come per ogni cosa, è importante vedere l'uso che si fa (in termini proprio di modalità e frequenza) del mezzo socio-virtuale. Sarà capitato ad ognuno di voi di conoscere qualche coppia che pubblica continuamente su Facebook o Instagram foto di cene romantiche, di baci appassionati, di gite e passeggiate mano nella mano o di volti teneramente accostati insieme a frasi smielate e promesse di amore immenso ed eterno.

Esempio lampante di come il sentimento venga esibito ancor prima di esser vissuto. L'esibizionismo affettivo, però, priva la coppia della loro intimità, quel momento, infatti, non sarà più solo loro ma sarà pubblicamente condiviso sui social network, inoltre lo artificializza, si crea un'interruzione nello scorrere naturale del tempo vissuto emotivamente insieme al fine di immortalare attraverso una foto quell'istante (es. "aspetta, diamoci un bacio prima di mangiare che faccio una foto davanti la nostra cenetta di San Valentino"). Secondo un recente studio pubblicato sul Personality and Social Psychology Bulletin, le persone che si sentono insicure circa il loro rapporto sono più propense a condividere su Facebook informazioni rilevanti riguardo la propria relazione. Ciò che è emerso ai ricercatori (che hanno analizzato i comportamenti di più di 500 coppie) è che tra questi, coloro che vivevano la crisi, tendevano sistematicamente a postare selfie online e frasi d’amore ricche di emozioni e sentimenti. La volontà sottostante è quella di rendere il proprio rapporto di coppia altamente visibile on line alla ricerca di conferme esterne e scongiurare possibili minacce.

I "mi piace" ricevuti dagli amici insieme ai commenti ("che coppia magnifica!", "disney", ecc.) avrebbero in tal contesto una funzione rassicurante circa la solidità (apparente) della coppia. In alcuni casi vengono creati profili di coppia. Altre volte è solo un membro della coppia ad ostentare narcisisticamente l'idillio di coppia e spesso offendersi per la mancata iniziativa esibizionistica del partner. Inoltre, di fronte a possibili critiche negative che possono insorgere in chi osserva questo sciorinare di foto e frasi smielate, in genere la risposta più comune che viene data a se stessi ancor prima che agli interlocutori, attiene alla possibilità che gli altri sono invidiosi del loro rapporto, in tal modo vengono messe a tacere le proprie insicurezze che arriverebbero altrimenti allo stato cosciente.

In sostanza, le persone più insicure del proprio rapporto tendono a negare i problemi di coppia e la possibile crisi sottostante (soprattutto a se stessi) e a creare una versione perfetta (e inesistente) del loro amore.